StartMove. Presentato il portale del Monviso e delle Terre Occitane

12832562_610095965810803_7817283345399448065_n

Sala stracolma al Filatoio Rosso di Caraglio per la prima ufficiale di MOVE (il sito, dopo gli ultimi ritocchi, sarà online nei prossimi giorni ) il portale del Monviso e delle Terre Occitane, commissionato dal comune di Saluzzo, con la supervisione di Paolo Verri, a LiberLab che ha coordinato un affiatato (si dice così, no?) team di lavoro composto dallo studio grafico Freeginevro, dal webmaster Fabrizio Palazzo, dalla social media manager Alice Avallone e da una “agguerrita” redazione di narratori del territorio.

Adesso ancora qualche giorno di pazienza per le ultime operazioni di make up e poi MOVE sarà pronto per partire.

 

Yoga. Manuale per star bene con se stessi

Yoga_cover (5)Venerdì 12 febbraio esce in allegato con il quotidiano “La Stampa” il volume Yoga. Manuale per bene con se stessi, ideato e curato dalla LiberLab per le Edizioni del Capricorno.

Dalla premessa: “Il libro tratta in particolare dello Hatha Yoga, la scuola più diffusa in Occidente che spesso identifica tout court lo yoga negli asana ossia nelle posizioni. Gli asana sono solo uno degli otto stadi dello Hatha Yoga, ognuno dei quali si compenetra nell’altro. Le semplici posizioni non vanno considerate a se stanti, ma sono parte di un percorso che comprende codici etici e morali, esercizi di respirazione e tecniche di meditazione e contemplazione.

Naturalmente, per il neofita che si avvicina a questa disciplina, è più semplice e immediato l’approccio agli asana. Nonostante questo, nei primi due capitoli abbiamo ribadito i concetti generali e spirituali che sono alla base dello yoga, per poi dedicare ampio spazio, nel terzo capitolo, alle posizioni. A questo proposito è stata fatta necessariamente una selezione tra supine, prone, sedute e in piedi in base al grado di difficoltà, escludendo a priori quelle particolarmente impegnative. Infine, nel quarto capitolo, abbiamo trattato i pranayama, gli esercizi di respirazione yoga che hanno un ruolo fondamentale nella corretta esecuzione degli asana per evitare che si riducano a semplici esercizi di ginnastica. La trattazione delle singole posizioni, illustrate da step fotografici e didascalie che commentano le posture, è arricchita da consigli e pratiche indicazioni sugli effetti benefici, sia fisici sia mentali e spirituali. 

Non ci resta quindi che augurare una buona lettura, sia per chi si avvicina al mondo dello yoga per la prima volta sia per chi ha già una preparazione di base e intende approfondire la materia. Chiudiamo con una doverosa avvertenza: se questa disciplina v’incuriosisce, non praticate lo «yoga fai da te», ma affidatevi a un buon insegnante che sappia indirizzarvi e consigliarvi nell’esecuzione delle posizioni.”

Mostra del Libro 2015. Leggere in pace

IMG_5032

(photo Guido Martini, “Il Saviglianese”)

 

L’edizione 2015 della Mostra del Libro di Cavallermaggiore, dedicata al tema della pace, in concomitanza con il doppio anniversario dell’entrata nel primo conflitto mondiale dell’Italia e i 70 anni dalla fine della seconda guerra mondiale, ha visto un’importante novità: il coinvolgimento di tre comuni limitrofi (Savigliano, Racconigi, Caramagna Piemonte) attraverso una partnership ufficiale siglata dalle rispettive amministrazioni e di cui la città di Cavallermaggiore è stata capofila. L’obbiettivo, in linea con la Legge Regionale 58/1978, è stato quello di fare rete sul territorio in modo tale da ottimizzare le risorse e far crescere la manifestazione giunta alla sua ventiduesima edizione. Il programma della Mostra del Libro è stato quindi il risultato di una co-progettazione che ha valorizzato i rapporti con le realtà locali, le iniziative pluricentriche e l’estensione delle attività su un territorio omogeneo più ampio. Si è scelto in particolare di lavorare sull’anteprima scuola, una parte estremamente importante della Mostra del Libro che da sempre dedica al mondo della scuola.

Tutto ciò nella prospettiva di coinvolgere un maggior numero di scuole che si è tradotto in un aumento di visitatori (l’anteprima scuola ha coinvolto oltre 1.200 studenti tra l’istituto comprensivo di Cavallermaggiore, la scuola primaria di Caramagna Piemonte, la scuola secondaria di primo grado di Racconigi, le scuole secondarie di secondo grado di Savigliano).

Il tema della pace

Come si accennava nella premessa, la Mostra del Libro ha tratto spunto dal doppio anniversario che ha caratterizzato il 2015: i 100 anni dall’entrata nel primo conflitto mondiale dell’Italia e i 70 anni dalla fine della seconda guerra mondiale. A questo proposito la Biblioteca Nuto Revelli di Cavallermaggiore, partner della Mostra del Libro e il comune, con altre associazioni cittadine, hanno costituito il comitato “100+70” che si è occupato, nel corso del 2015, di curare e organizzare iniziative in ricordo delle due ricorrenze. Anche la Mostra del Libro ha scelto come tema del 2015 la guerra, o meglio il suo opposto, la pace. Il titolo, Leggere in pace, ha avuto come obbiettivo quello di porre l’attenzione, da un lato, sugli orrori della guerra, legati anche a esperienze del nostro territorio attraverso testimonianze, documenti e videointerviste di reduci della seconda guerra mondiale; dall’altro lato quello di proporre riflessioni e interventi legati al tema della pace. A questo proposito, tra i diversi incontri legati a questo tema, segnaliamo quello che ha avuto come protagonista Gad Lerner che ha dialogato sul tema della pace con don Piero Gallo.

Anteprima scuola

Molto ricca, come si è ricordato, l’offerta per le scuole con presentazioni, laboratori, letture animate, spettacoli didattici che hanno coinvolto alunni dalla scuola dell’Infanzia per arrivare ai licei con un totale di circa 1.200 scolari, senza dimenticare Nati per leggere a cura della Biblioteca Civica Nuto Revelli dedicata ai neonati. Segnaliamo, tra i diversi incontri, due in particolare: quello con lo scrittore Giulio Cavalli che ha presentato il suo libro “Mio padre in una scatola da scarpe” dedicato al tema della mafia e la toccante lettura delle lettere di un giovane soldato (Francesco Allocco) della prima guerra mondiale, morto sul fronte dell’Isonzo.

Incontri e presentazioni

La XXII mostra del libro si è caratterizzata per la presenza di ospiti di primissimo livello che hanno coinvolto un pubblico eterogeneo, sia per età sia per gusti e interessi culturali. Grande successo e notevole affluenza di pubblico hanno avuto gli incontri con Gad Lerner, dedicato al tema della pace; Marco Revelli che ha rievocato, a trent’anni dall’uscita, il libro “L’anello forte” di Nuto Revelli con la presenza di Maria Attisani Abrate, una testimone dell’epoca intervistata da Revelli (durante l’incontro è stato possibile risentire l’audio originale riversato dal magnetofono); Giulio Cavalli, di cui abbiamo già detto; Rita Pavone che in un teatro stracolmo ha presentato la sua autobiografia; Il Terzo Segreto di Satira che, in uno spettacolo live, ha ironizzato con sarcasmo sulla politica; lo spettacolo “Amunì” messo in scena dai detenuti del carcere di Saluzzo.

 

Le case editrici

Come ogni anno la Mostra ha visto la partecipazione di oltre 30 case editrici e associazioni che si occupano di libri ed editoria. Accanto ai nomi storici come Araba Fenice, Priuli & Verlucca Editori, Daniela Piazza Editore, Scritturapura Casa Editrice, Lindau Editore si è registrata la presenza di nuovi e importanti editori come Agribio Edizioni, Edizioni Il Pennino, Edizioni del Capricorno, Edizioni Buckfast con un volume di vendite nei due giorni della mostra mercato di circa 1.000 libri.

Gli editori presenti:

Add edizioni – Agribio Edizioni – Araba Fenice – Arsenale Editrice – Associazione Cquadro – Biblioteca Civica Nuto Revelli di Cavallermaggiore – Blu Edizioni – Clavilux – Cooperativa Laboratorio – Edizioni Buckfast – Edizioni Del Baldo – Edizioni del Capricorno – Edizioni Il Pennino – Edizioni Mille Morea – Ellin Selae – Fondazione Colonnetti – Fusta Editore – Graphedit – Istituto Comprensivo di Cavallermaggiore – Joker Edizioni – La Corte Editore – Libreria Trebisonda – Lindau Editore – Macro Edizioni – Miraggi Edizioni – Museo della Stampa di Mondovì – Più Eventi – Priuli & Verlucca Editori – Puntoacapo Editrice – Scritturapura Casa Editrice – Umberto Soletti Editore – Verdelibri

La comunicazione

LA XXI edizione ha promosso la manifestazione attraverso il sito e la pagina facebook che hanno permesso di seguire e promuovere la mostra in tempo reale. Anche per questa edizione è stata attivata una collaborazione come media partner con le testate “Il Saviglianese” e “Telecupole”. Oltre ai social media la mostra è stata promossa attraverso la diffusione di 5.000 brochure e con affissioni di manifesti nelle principali città della provincia di Cuneo. Una notevole visibilità testimoniata anche dalla crescente attenzione dei media che hanno dedicato largo spazio alla Mostra del Libro.

Un ringraziamento alla Regione Piemonte, alle fondazioni CRC e CRT, al consorzio CSEA, al Salone Internazionale del Libro di Torino, ai media partner (Telecupole e Il Saviglianese), alla Biblioteca Civica Nuto Revelli, all’Associazione CQuadro, Consorzio Vini Colline Saluzzesi. L’anteprima scuola è stata supportata dai contributi delle aziende Biraghi e Bus Company che hanno adottato diversi incontri.

Tutti gli appuntamenti della quarta edizione del Marchesato Opera Festival

526509_623486927684094_1845498476_n

Eduardo Egüez – “Ensemble La Chimera”

Le serate musicali del festival si concluderanno con la possibilità di seguire visite a tema nei castelli di Saluzzo o di Lagnasco.

PER SCARICARE L’ELENCO DEGLI APPUNTAMENTI CLICCA SU MOF 2015 comunicato stampa 3

Giovedì 30 luglio

La quarta edizione del Marchesato Opera Festival si aprirà con il concerto inaugurale (giovedì 30 luglio, ore 21, Castiglia) che presenterà “La voce d’Orfeo” ossia il musicista Francesco Rasi e i suoi “amori musicali”, con il baritono Furio Zanasi e gli strumentisti Sabina Colonna Preti, viola da gamba e lirone, Marta Graziolino, arpa, Margherita Pupulin, violino, Eduardo Egüez, liuti e direzione.

Venerdì 31 luglio

Doppio appuntamento per la giornata di venerdì: alle ore 17,30 nella sala Verdi della Fondazione APM, il musicologo Alberto Basso parlerà delle edizioni e delle esecuzioni dell“Orfeo” in Piemonte. La conversazione segna un nuovo prezioso inizio dell’autorevole collaborazione con il MOF dell’Istituto per i beni musicali in Piemonte, il cui Centro di ricerca e documentazione ha sede a Saluzzo.

Alle ore 21, nella scenografia storica naturale del Castello di Lagnasco, l’Ensemble Euridice presenta “Madrigali sviolinati “ di Claudio Monteverdi.

Sabato 1 agosto

La giornata di sabato inizierà nel salone Rovasenda della Castiglia, alle ore 17,30 con Intervista impossibile a Orfeo, condotta dal musicologo Corrado Rollin con Lorenzo Fontana.

L’Intervista impossibile è ormai una tradizione consolidata del MOF, particolarmente gradita dal pubblico, che apprezza il modo accattivante e il linguaggio divulgativo con cui si presentano autori e opere appartenenti alla grande storia della musica. Il mitico personaggio di Orfeo, interpretato da un attore, commenterà con l’intervistatore le tantissime realizzazioni letterarie, teatrali, musicali e cinematografiche della sua vicenda. Si vedranno e si ascolteranno spezzoni da film e film d’opera, dedicati alla tragica storia d’amore tra Orfeo e Euridice vista da autori quali Peri, Caccini, Monteverdi, Gluck, Haydn, Liszt, Offenbach, Cocteau, Lumet, Camus … e così via.

A seguire, sarà offerto l’aperitivo Nettare degli dei (vini DOC delle colline saluzzesi), a sottolineare l’importanza di momenti di accoglienza, che prolunghino la bellezza dell’incontro con la buona musica e introducano alla festa condivisa.

Quindi, dalle ore 21 alle ore 24, la notte di Orfeo in cui strumentisti, artisti di strada e dj invaderanno piazze e vie del basso centro storico con esibizioni no stop declinando la musica con autentico spirito barocco, fantasioso ed eccentrico.

Domenica 2 agosto

Gran finale del festival con l’opera lirica, anzi con quella che è considerata la prima opera lirica della storia della musica, che sarà protagonista della serata conclusiva del MOF 2015: domenica 2 agosto, alle ore 21, nel cortile d’onore della Castiglia in una riduzione con musica originale e narrazione realizzata per il MOF 2015, sarà eseguito “ L’Orfeo, favola in musica”.

Presentato il programma del Marchesato Opera Festival 2015

IMG_20150713_181814Lunedì 13 luglio, nella sala Verdi, presso la Scuola di Alto Perfezionamento Musicale di Saluzzo, è stato presentato il programma della IV edizione del Marchesato Opera Festival (MOF) che avrà come location privilegiata la Castiglia di Saluzzo, oltre al castello di Lagnasco e la Scuola APM.

La conferenza, condotta dal giornalista Carlo Cerrato, è stata l’occasione per presentare il ricco programma di questa edizione che ha nel mito dell’Orfeo il suo tema principale. L’Orfeo è considerato un’autentica icona musicale, uno splendido frutto della cultura rinascimentale, nato dall’incontro tra la musica di Claudio Monteverdi (Cremona, 1567- Venezia 1643) e i testi di Alessandro Striggio (Mantova, 1573- Venezia, 1630), vero libretto ante litteram tratto dalla Fabula di Poliziano, le Metamorfosi di Ovidio e le Georgiche di Virgilio, che a loro volta riprendono un mito greco. Alla conferenza, aperta dai saluti dell’Assessore alla Cultura Roberto Pignatta, hanno partecipato i sindaci di Saluzzo, Mauro Calderoni, di Lagnasco, Ernesto Testa, e il consigliere regionale Paolo Allemano.

Dopo il benvenuto del dott. Luca Ellena, presidente della Fondazione Scuola APM, la conferenza è entrata nel vivo con gli interventi di Anna Maria Faloppa, responsabile del settore cultura del comune di Saluzzo che ha illustrato i legami tra il mito di Orfeo, l’opera del Monteverdi e il contesto storico saluzzese. L’opera di Monteverdi, composta ed eseguita per la prima volta al Palazzo Ducale di Mantova per i Gonzaga, è stata infatti l’occasione per suggestioni, memorie e riflessioni su personaggi che hanno segnato il passaggio dall’età rinascimentale a quella barocca e che sono puntualmente proposti nelle sale a tema del “Museo della Civiltà cavalleresca” in Castiglia, ricche di rimandi al territorio.

A seguire hanno preso la parola i principali protagonisti del festival che hanno illustrato i momenti salienti della rassegna musicale: Sabina Colonna Preti (Ensemble La Chimera e I Musici Vaganti) Magda Kockza (Ensmeble Euridice), Corrado Rollin (Intervista impossibile a Orfeo) e Alberto Basso (Monteverdi alla corte dei Savoia). Infine, Erica Mustazzu di CoopCulture ha evidenziato le proposte turistiche legate al MOF e gli eventi collaterali come la Notte Barocca – Notte di Orfeo di sabato 1° agosto in cui lo spirito barocco, fantasioso ed eccentrico invade la città.

SCARICA IL COMUNICATO STAMPA MOF 2015 comunicato stampa 2

SCARICA LA LOCANDINA IN DOC Marchesato Opera Festival programma

SCARICA LA LOCANDINA locandina2015redux

GALLERIA FOTOGRAFICA di Stefano Delmastro/LiberLab

P7130598 P7130599 P7130601 P7130602 P7130605 P7130607 P7130608 P7130609 P7130610 P7130611 P7130613 P7130616 P7130618 P7130619 P7130620 P7130621 P7130623 P7130625 P7130626 P7130627 P7130630 P7130634

MOF 2015

MOF 2015

Marchesato Opera Festival 2015

Dedicata al mito di Orfeo, la quarta edizione avrà tra i protagonisti il baritono Furio Zanasi 

testatinaIl mito dell’Orfeo sarà protagonista della quarta edizione del Marchesato Opera Festival (MOF) che avrà come location privilegiata la Castiglia di Saluzzo, oltre al castello di Lagnasco e la Fondazione Scuola APM. Il cantore che con la sua lira affascinava gli uomini, placava le tempeste e ammansiva le fiere, sarà l’anima e il filo conduttore del festival attraverso L’Orfeo di Claudio Monteverdi, favola mitologica tratta dalle Metamorfosi di Ovidio e primo melodramma nella storia della musica.

L’Orfeo è considerato un’autentica icona musicale, uno splendido frutto della cultura rinascimentale, nato dall’incontro tra la musica di Claudio Monteverdi (Cremona, 1567- Venezia 1643) e i testi di Alessandro Striggio (Mantova, 1573- Venezia, 1630), vero libretto ante litteram tratto dalla Fabula di Poliziano, le Metamorfosi di Ovidio e le Georgiche di Virgilio, che a loro volta riprendono un mito greco.

L’opera di Monteverdi, composta ed eseguita per la prima volta al Palazzo Ducale di Mantova per i Gonzaga, è l’occasione per suggestioni, memorie e riflessioni su personaggi che segnano il passaggio dall’età rinascimentale a quella barocca e che sono puntualmente proposti nelle sale a tema del “Museo della Civiltà cavalleresca” in Castiglia, ricche di rimandi al territorio.

Appuntamento quindi da giovedì 30 luglio a domenica 3 agosto con prestigiosi ospiti come il baritono Furio Zanasi, la “voce di Orfeo” per eccellenza che ha portato il ruolo nei maggiori teatri del mondo, ricreandolo con doti filologiche e interpretative non comuni. E, inoltre, la Notte di Orfeo del 1° agosto in cui lo spirito barocco, fantasioso ed eccentrico invade la città, l’intervista “impossibile” di Corrado Rollin, gli itinerari e le visite guidate nei musei saluzzesi sul tema “Ricordando Orfeo: amore e musica” e molto altro che sveleremo nei prossimi giorni con la pubblicazione del programma completo.

La conferenza stampa di presentazione del MOF si terrà lunedì 13 luglio alle ore 17.30 presso la Fondazione APM in Via dell’Annunziata 1 B a Saluzzo

 Marchesato Opera Festival di Saluzzo

MOF 2015 comunicato stampa pdf

MOF 2015 comunicato stampa doc

Informazioni

Servizi stampa: Liberlabufficiostampa@liberlab.it – 347 2980035 – Ufficio turismo IAT tel. 0175 46710 – www.saluzzoturistica.it; iat@comune.saluzzo.cn.it

Scuola di APM tel. 0175 47031 – www.fondazionescuolaapm.it

seguiteci sulla pagina facebook del MOF www.facebook.com/marchesatooperafestival/ #mof2015

Les MontagnArts anteprima 2015

150410_lesMontagnats_anteprima-1

Sabato 9 maggio, presso l’ala comunale di Melle, si terrà l’anteprima dell’ottava edizione di LesMontagnArts. Alle ore 11 Marco Barra presenterà il laboratorio per bambini Imparare il linguaggio delle emozioni tratto dal suo libro Oggi sono felice ma anche un po’ triste, Carthusia Edizioni in collaborazione con la Fondazione Goria. Il libro prende spunto dall’esperienza del progetto “Come stai oggi?” curato dal dott. Marco Barra con i bambini delle scuole primarie e secondarie di 30 Istituti Comprensivi del territorio del cuneese e del torinese. Grazie ai materiali realizzati dai bambini su questo tema, è nato un volume illustrato come strumento di relazione tra l’adulto e il bambino con la finalità di aiutare i genitori a capire se stessi e i propri figli su “cos’è che li fa stare bene e li fa stare male”. Alle ore 17 proiezione del documentario “Io vivo qui” girato a Melle nell’estate del 2014, realizzato da Mufilm. A seguire la presentazione del progetto “Bosco in ascolto” di Fabio Battistetti, previsto per la sessione estiva di Les MontagnArts. Gran finale con la proiezione di “The Repairman”. Il film, girato tra le Langhe e il Monregalese, racconta la storia curiosa e ironica delle disavventure di Scanio Libertetti (Daniele Savoca), un ingegnere mancato che si guadagna da vivere riparando macchine da caffè. Tutti gli appuntamenti sono a ingresso gratuito.

The-Repairman-locandina150429_LesMontagnarts_A4_web