III tappa: Mezzana Bigli > Pinarolo Po

lo zen e l'arte del volo in paramotore

Ho dormito un sonno profondo, di fianco alla vela ed al motore, che ho portato con me al coperto per ripararli dall’umidità.
Mi sono svegliato con il chiodo fisso di mettere l’olio nel serbatoio: ho fatto benzina direttamente dalla pompa, poi sono andato a cena e non volevo fare aspettare nessuno, partire senza olio vorrebbe dire buttare via il motore, oltre ad una meritata figuraccia.
Mi sveglio tardi, alle sette e mezza, ma dovevo riposare. Conosco il figlio dell’ingegner Groppo, beviamo un caffè, mi illustra sul percorso e controvoglia devo salutarlo di corsa.
C’è un filo di vento, la vela si alza subito, poca corsa e il motore a manetta canta. Controllo che sia tutto ok, passo sopra al signor Groppo che allarga entrambe le braccia in un saluto che sembra un abbraccio.
Il Po è a pochi chilometri, l’aria è calma. Osservo, fotografo, so di essere in un punto…

View original post 197 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...